.
Annunci online

tattara
Di ritorno dal pensiero
POLITICA
29 giugno 2019
UNA DOMANDA

Cosa dovremmo scegliere tra legalità e cuore?

Un dilemma che coinvolge tutto il nostro essere: come cittadini, come esseri umani.

Si può fare uno scambio, una deroga, un compromesso.

Non si può è certo come è altrettanto certo che questa scelta ci porta verso la dis-umanità.

Non so come dirlo, è difficile trovare parole concilianti. Da un lato le leggi internazionali, il diritto che a stento riconosciamo, la sovranità territoriale e via dicendo. Dall’altro la sofferenza, la tribolazione, il pericolo di vita. In mezzo il comandante di una nave – che è Stato – di violare le leggi che regolamentano e fanno convivere gli Stati.

Certo le ragioni del cuore propenderebbero per il comandante, ma le regole, le leggi non si fondano sul cuore ed è ad esse che noi dobbiamo attenerci. Non fosse che per il fatto che ciascuno di noi ha un cuore che pulsa a suo modo, mentre la legge vale – o dovrebbe valere – per tutti a prescindere dai loro cuori.

E’ un giochino che ha ribaltato le coscienze di molti in questi ultimi tempi: lavoro per salute – o meglio morte – come insegna il caso Ilva, Segreto di Stato per la buona e civile convivenza – Piazza Fontana, Piazza della Loggia, Ustica, Italicus, strage di Bologna, trattativa Stato-mafia, per citare solo i più dolorosi.

C’è uno scambio inconfessabile, indicibile, consolidato per cui ad un certo punto e a certi livelli tutto si dissolve in nebbie che richiedono qualche secolo per dissolversi.

Noi però viviamo questo incerto oggi, siamo storditi dalle cazzate pro o contro l’argomento che ci interessa, che ci interroga.

Possiamo solamente chiederci personalmente: “cui prodest”? A chi giova? E trovare una risposta, tra legalità e cuore, che un giorno dovremo giustificare con noi stessi.

Il cuore ha sempre ragione? Non credo! La legge è sempre nel giusto e va comunque applicata? Non sempre nel giusto, applicata sì

Se dovessimo abdicare alla legge, come potremmo salvarci?

Dal concetto di legge, dal suo valore intrinseco di patto, non da come viene spesso disapplicata, svilita o peggio utilizzata a favore dei soliti noti.

E’ una bella riflessione.

Un saluto e buone cose a tutti


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. POLITICA CULTURA SOCIETA'

permalink | inviato da tattara il 29/6/2019 alle 14:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 21951 volte




IL CANNOCCHIALE